Utenti online

 25 visitatori online
Matite Wombat

Ultimi Commenti

Napoli - Godega anda
Premettendo, che il blogger che cura sia la rubric
Il dopo Comicon...
Intendi il concorso per esordienti?
Il dopo Comicon...
Ho partecipato a questo evento .. purtroppo non ho
Sarno...l'ultima?
Ciao Luca grazie del bel pezzo tu ricorda sempre c
Momento di transizio
Ragazzi,siete dei grandi,un salutone anticipato pr

Sondaggio

Che tipologia di testate comprate abitualmente?
 
Wombat Blog
Chi non si accontenta... Godega!
Scritto da Riccardo   
Martedì 07 Giugno 2011 07:59
A differenza del CavaCon, Godega è una mostra di fumetti con le idee ben chiare.

Innanzitutto preme elogiare e ringraziare gli organizzatori per la loro ospitalità a dir poco anfitrionica: sono stati bravissimi a creare e mantenere una costante atmosfera di amicizia e convivialità tra tutti gli autori, grazie anche alle uscite dal tono informale che organizzavano tutte le sere.

A Godega Fumetti hanno trovato un eguale spazio tutti: le piccole come le grandi case editrici, l' ANAFI, i negozi di antiquariato del fumetto.
Oltre ad avere la forza e la perseveranza di portare avanti un discorso incentrato quasi totalmente sul fumetto (il cosplaying ha avuto un ruolo tutto sommato marginale, di colore verrebbe da dire), gli organizzatori stanno tentando di costruire un progetto culturale che coinvolga ed attiri alla lettura del fumetto gruppi sempre più ampi di persone(soprattutto di giovani) dimodoché la mostra diventi non più un evento fine a se stesso durante l'anno ma il culmine di un rapporto costante con i cittadini e le istituzioni (soprattutto le scuole) avuto durante l'anno.
La strada è quella buona, a nostro avviso, ed è anche tra le più coerenti dal punto di vista culturale: così come in scuole e biblioteche si organizzano per tutta Italia corsi di invito alla lettura di libri, così si dovrebbe fare per i fumetti.

Se proprio qualche pecca si vuole individuare, la si può ravvisare nella promozione dell'evento che forse ha avuto qualche carenza visto che l'afflusso di pubblico non è stato all'altezza delle aspettative: è comprensibile che la mostra per il cinquantennale di Zagor abbia attirato quasi esclusivamente appassionati di lungo corso, ma – fino a qualche anno fa – un autore italiano che approda alla Marvel come Marco Checchetto sarebbe stato osannato da folte folle di giovani fumettisti.

Per il resto, la mostra è stata perfetta e gli organizzatori hanno dato l'anima.
Magari, per le prossime edizioni, basterà un minimo accorgimento come anticipare l'evento di qualche settimana: questo primo weekend di giugno è stato caldo e parecchi avranno deciso di andarsene a mare...

Riccardo Bruno

Trackback(0)

Ottieni un TrackBack URL per questo post

Commenti (0)

Scrivi commento

riduci | aumenta

busy